4677Visualizzazioni |  1

UNA CONVERSAZIONE COME SI DEVE

AI “Come stai?” rispondete: “Bene!”.

Perché è una domanda retorica che non richiede una risposta reale. Non affliggete il prossimo con gli ultimi malanni di stagione.

ALTERNANZA

È fondamentale per una buona conversatrice finire di esporre il proprio pensiero e dare modo all’interlocutore di esprimersi. I monologhi fanno scappare le persone.

VOCE CHIARA, MODULATA E NON TUTTA UGUALE PERCHÉ MONOTONA

La signora ha un timbro leggermente più basso del dovuto. Le vocine non sono sexy ma odiose.

La signora educata non sale sulla voce degli altri. Qualità molto rara e apprezzabile.

I pettegolezzi sono un’arma a doppio taglio: siate certe che la volta dopo sarete voi l’argomento.

Dove non siete ferrate, meglio ascoltare ed eventualmente fare domande pertinenti. Se citate un’informazione è corretto dire la fonte.

PAZIENZA

Necessaria per stare con gli altri anche se, umanamente, prima o poi finisce.

DISTRAZIONE

La signora non fa domande se non le interessa la risposta. L’interlocutore se ne accorge facilmente.

DISPONIBILITÀ

Torna con gli interessi. Quando vi chiedono un’opinione è lecito dire la propria, se non è richiesta, è inutile sforzarsi, probabilmente non interessa. 

TRATTO DA GALATEO IN 5 MINUTI,  ed. GRIBAUDO