656Visualizzazioni |  Like

LA PAUSA PRANZO

Dizionario contemporaneo di buone maniere- ed.Gribaudo, Pag.75

Di solito il tempo a disposizione per l’intervallo del pranzo è meno di un’ora.

Se avete la mensa nel luogo di lavoro nel momento che si è consumato il pasto – possibilmente leggero, causa rischio abbiocco digestivo – bisogna lasciare il posto ai colleghi con rispetto dei turni senza fare salotto.

Quando arrivate a un tavolo con altre persone, salutate sempre: anche se non le conoscete passerete del tempo con loro. Non ostinatevi però a fare conversazione se le risposte dell’interlocutore sono a monosillabi.

Sembra superfluo, ma molto meno di quanto crediamo, sottolineare di portare il vassoio nelle corrette rastrelliere. Non siete al Grand’Hotel.

Se non avete a disposizione la mensa, e non riuscite a rientrare a casa, scegliete luoghi in cui il servizio è veloce. Perdere tempo sottrae ritmo al pomeriggio lavorativo.

Negli uffici o nelle università ci sono delle aree comuni, magari con la macchina del caffè o delle bibite: abbiate la stessa attenzione come foste a casa vostra, il bivacco deve essere fluido e non lasciare tracce indelebili.

Consumare il panino portato da casa o la pizza ordinata al telefono mentre si resta alla scrivania è poco igienico. Inoltre cosi non staccate e infastidite i colleghi che immagineranno le pratiche tutte unte e con le briciole attaccate.

Altrettanto disdicevole è rispondere al telefono con la bocca piena, rumoreggiare sgranocchiando, sorseggiare con risucchio, leccarsi le dita, consumare cibi che emanano odore.

A metà giornata è più utile interrompere anziché inseguire uno stacanovismo sterile ai fini della produttività.
“Restare incollati alla scrivania per l’intera giornata, anche durante la pausa pranzo, svuota di energie e riduce la produttività anziché aumentarla”, scrive Tony Schwartz, consulente e autore di libri su come tenere concentrati i dipendenti.

Curiosità: Alcuni anni fa, una famosa azienda di moda del Made in Italy ha mandato una circolare ai collaboratori in cui si stilavano le regole del corretto comportamento in ufficio. Grande importanza è stata data alla corretta gestione della pausa pranzo.

 

Hanno detto: “Troppo cibo rovina lo stomaco, troppa saggezza l’esistenza”.